Tab social
Spazio soci
area riservata_SOCI
Facebook
Flickr
Youtube
 
Titolo

News

 
25/06/2013
Nuovi strumenti di credito agevolato
Le pmi innovative possono contare su Bcc e Confidimeprese Fvg

In termini economici e finanziari, credito fa ancora rima con innovazione. Lo hanno sottolineato tutti i relatori al convegno organizzato recentemente a Udine da Confidimprese Fvg e Federazione delle Bcc del Fvg, moderati dal direttore del Messaggero Veneto, Omar Monestier, con il titolo: “I contributi agevolati e gli strumenti di accesso al credito per le pmi”. «Negli ultimi 15 mesi – ha sottolineato Marco Della Mora, funzionario di Confidimprese Fvg -, le 67 imprese che hanno chiesto le garanzie e i finanziamenti con il Fondo PorFesr, sono passate da 740 dipendenti a 1.027, con un incremento del 39 per cento. Si tratta di uno strumento innovativo anche nella sua strutturazione poiché è attivo solo in altre due regioni italiane (Lazio e Veneto)».

E l’innovazione normativa farà presto sentire i propri effetti in maniera ampia a livello regionale con l’entrata in vigore (tra alcune settimane) della L.R. 2/2012 (mancano ancora delle circolari esplicative e le convenzioni con le banche) che semplificherà gli strumenti del credito agevolato per le pmi. Un punto messo in chiara evidenza da Giorgio Candusso, funzionario della Federazione delle Bcc del Fvg. «Dall’entrata in vigore effettiva – ha spiegato – per tutte le nostre imprese si apriranno le porte d’accesso a solo due strumenti finanziari: il Frie e il Fondo sviluppo pmi e servizi. Ci sarà un unico Comitato di gestione, sarà possibile ottenere finanziamenti per tutto ciò che rientra nelle iscrizioni al registro delle imprese, compresi i prestiti partecipativi (per sostenere gli aumenti di capitale) e tutto ciò che riguarda le attività delle neo imprese».

La semplificazione e l’attenzione al territorio, è stato detto da Giorgio Minute e Luca Occhialini della Federazione delle Bcc del Fvg e da Sandro Rozzino di Confidimprese Fvg (attivo da 30 anni con oltre 10.700 soci), accomunano nel loro lavoro quotidiano i rispettivi istituti (le Bcc sono il primo partner di Confidimprese Fvg) a cui le imprese possono rivolgersi anche per i servizi di consulenza. Infine, il presidente di Confidimprese Fvg, Roberto Vicentini, ha annunciato l’avanzata fase di dialogo con il Confidiartigianto Trieste per giungere a una nuova fusione che ridurrebbe a 7 il numero di Confidi operanti in regione (attualmente sono 8 dei 15 originari).